A twenty-five year transition. The forms of power and the alleged crisis of the nation-state in the contemporary age

Main Article Content

Autores

Beatrice Benocci

Resumen

Después del colapso soviético, fuimos testigos del fin de la idea de una división del mundo
entre el bien y el mal, entre capitalistas y partidarios de la economía planificada, entre la derecha y la izquierda, entre procomunistas y proamericanos; y de nuevo desapareció la necesidad de tantos países emergentes de definirse como un “tercer bloque” frente al sistema bipolar. La idea económica de un primer, segundo y tercer mundo podría haberse considerado superada. El mundo se vio obligado a releerse a sí mismo y a comprender que era necesario empezar a pensar en las relaciones internacionales de una manera completamente diferente.

Palabras clave:

Article Details

Referencias

Adamo, P. (2016). L’anarchismo americano nel Novecento. Da Emma Goldman ai Black Bloc. Milano: FrancoAngeli.

Barba Navaretti, G. (2013). Le multinazionali e il mercato globale. Capire l’Economia. Roma: Gruppo Editorale L’Espresso.

Baritono, R. & Vezzosi, E. (ed.). (2011). Oltre il secolo americano. Gli Stati Uniti prima e dopo l’11 settembre. Roma: Carocci Editore.

Bechis, F. (2018, 12 gennaio). Così Trump sta minando il soft power Usa. Intervista a Joseph Nye. AirPress. Available from: http://www.airpressonline.it/

Beltramini, E. (2009, 13 ottobre). Obama, perché si è meritato il Nobel. Limes. Available from: http://www.limesonline.com/

Benocci, B. (2010). Due Presidenti e un’occasione mancata. Kennedy e Kruscev e la fine della guerra fredda. Salerno: Plectica.

Benocci, B. (2017). La Germania necessaria. L’emergere di una nuova leading power tra potenza economica e modello culturale. Milano: FrancoAngeli.

Benocci, B. (2017). La fine della (in) sostenibile corsa. Gli stati europei tra rigido neoliberismo e salvaguardia del welfare (2007-2017). Eunomia,, VI n.s., n.1, 61-90. Doi: 10.1285/i22808949a6n1p61

Bianchi, F. (2015, 3 aprile). La nuova Turchia di Erdogan: ipermaschilista e con il Corano in mano.L’Espresso. Available from: http://espresso.repubblica.it/

Brandt, W. (1980). North-South: A Programme for Survival: Report at the Independent Commission on International Development Issues. London: Pan Books.

Campanini, M. (2006). Storia del Medio Oriente. Bologna: Il Mulino.

Campanini, M. & Mezran K. (2007). Arcipelago Islam. Bari: Laterza.

Ceri, P. (2003). La democrazia dei movimenti. Come decidono i noglobal. Soveria Mannelli: Rubbettino.

Cohen, E.A. (2016). The Big Stick: The Limits of Soft Power and the Necessity of Military Force. New York: Basic Books.

Colombo, F. (2017). Trump Power. Roma: Paper First.

Cop21, Cina e Usa ratificano l’accordo di Parigi sul clima. (2016, 3 settembre). R.it. Available from: http://www.repubblica.it/

Custodero, A. & Gallori P. (2016, 18 luglio). Turchia, Erdogan verso il sì alla pena di morte. UE: “così non entra in Europa”. R.it. Available from: http://www.repubblica.it/

Chomsky, N. (2013). Sistemi di potere. Firenze: Ponte alle Grazie.

David, C-P. & Ramel F. (2003). The Bush Administration’s Image of Europe: from Ambivalence to Rigidity. The International Journal of Peace Studies, 8, 1.

Available from: http://www.gmu.edu/programs/icar/ijps/index.htm

Del Pero, M. (2008). Libertà e impero. Gli Stati Uniti e il mondo 1776-2006. Bari: Laterza.

-(2011). La politica estera prima e dopo l’11 settembre. In Baritono, R. & Vezzosi, E. (ed.). Oltre il secolo americano. Gli Stati Uniti prima e dopo l’11 settembre (pp. 107-120). Roma: Carocci Editore.

Di Nolfo, E. (1994). Storia delle relazioni internazionali, 1918-1992. Bari: Laterza.

Di Ruzza, M. (2011). L’America Latina sulla scena globale. Soveria Mannelli: Rubbettino.

Donno, A. (2017). Anglo-Saxonism o Anglosfera: note sul soft power americano nel Novecento, Storia- Libera, Anno III, n. 6, 11-33. Available from:http://www.storialibera.it/

-(1998). Ombre di guerra fredda. Gli Stati Uniti nel Medio Oriente durante gli anni di Eisenhower (1953-1961). Napoli: Esi.

Ferraresi, M. (2014, 28 settembre). Un altro mondo è possibile e c’è già. È la Russia di Vladimir Putin, anche se l’Occidente si rifiuta di capirlo. Tempi. Available from: http://www.tempi.it/

Gelvin, J. (2015). The Arab Uprising. Oxford: Oxford University Press.

Goldstein, A. (2011). Bric, Brasile, Russia, India, Cina alla guida dell’economia globale. Bologna: Il Mulino.

Guolo, R. (2001). Osama Bin Laden e il partito di Dio, La guerra del terrore, Limes, 2, 99-106.

Hillen, J. (2016, 15 dicembre). The Return of Hard Power. War on the Rocks. Available from: http://warontherocks.com/

Iaccarino, M.A.G. (2017, 5 marzo). La storia è reiniziata perché la democrazia ormai non basta più. il Fatto quotidiano. Available from: http://ilfattoquotidiano.it/

Keylor, W.R. (2007). Un mondo di nazioni. L’ordine internazionale dopo il 1945. Milano: Guerini Scientifica.

Klein, N. (2017). Shock Politics. Milano: Feltrinelli.

Klein, N. (2007). Shock Economy. Milano: Rizzoli.

Kotkin, S. (2010). A un passo dall’Apocalisse. Il collasso sovietico 1970-2000. Viella, Roma, 2010.

Kupchan, C.A. (2003). La fine dell’era americana. Politica estera americana e geopolitica nel ventunesimo secolo. Milano: Vita e Pensiero.

L’immagine dell’Europa è a rischio. (2012, 11 giugno). Cronache Internazionali. Available from: http://www.cronacheinternazionali.com/

Magdi, A. (2001). Come funziona la rete di Bin Laden, La guerra del terrore, Limes, 2, 81-85.

Maas, M. (2018). The World Views of the Obama Era. From Hope to Disillusion. Basingstoke: Palgrave MacMillan.

Mearsheimer, J.J. (2014, settembre/ottobre). Why the Ukraine Crisis is the West’s Fault. The Liberal Delusions that Provoked Putin. Foreign Affairs. Available from: http://www.foreignaffairs.com/

Merton, R. (2013). La Borsa nel sistema economico globale. Capire l’economia. Roma: Gruppo Editoriale L’Espresso.

Montagna, N. (2007). I movimenti sociali e le mobilitazioni globali. Temi processi e strutture organizzative. Milano: FrancoAngeli.

Nye, J. (1990). Bound to lead. The Changing Nature of American Power. New York: Basic Books.

Nougayréde, N. (2016, 18 novembre). Europe will miss Barack Obama. But maybe he did not care for us. Available from: The Guardian. http://www.theguardian.com/

Nucleare Iran, è accordo: via le sanzioni, controllo internazionale. Ira Israele. (2015, 14 luglio). R.it. Available from: http://www.repubblica.it/

Prestowitz, C. (2003). Stato canaglia. La follia dell’unilateralismo americano. Roma: Fazi.

Raffone, P. (2011, 6 dicembre). Dal Medio Oriente al Middle West, Limesonline. Available from: http://www.limesonline.com/

Ramasso Valacca, A. (2002), Il cosiddetto unilateralismo americano. Affari Sociali Internazionali, 4, 17-21.

Romano, S. (2004). Anatomia del terrore. Corriere della Sera, Milano: RCS.

Romero, F. (2011). Solitudine americana. In Baritono, R. & Vezzosi, E. (ed.). Oltre il secolo americano. Gli Stati Uniti prima e dopo l’11 settembre (pp. 29-44). Roma: Carocci Editore.

Rossi, E. (2016, 26 giugno). Usa e India, cosa divide e cosa unisce Trump e Modi. f! Formiche. Available from: http://www.formiche.it

Rossi, L. (2013). Transizioni. Forme di potere in età contemporanea. Soveria Mannelli: Rubbettino.

Rossi, L. (2006). Le relazioni internazionali: alcuni casi di studio. Salerno: Plectica.

Sarcina, G. (2018, 15 giugno). Trump: nuovi dazi. La Cina risponde. La guerra commerciale parte a luglio. Corriere della sera. Available from: http://www.corriere.it

Sacco, G. (2008). Dopo la globalizzazione, Progetto Obama, Limes, 6, 75-87.

Sansonetti, P. (1996). I due volti dell’America. Gli Stati Uniti tra capitalismo selvaggio e stato sociale, Roma: Editori Riuniti.

Valli, B. (2016, 30 ottobre). Obama e l’Europa: storia di un rimpianto. L’Espresso. Available from: http://espresso.repubblica.it/

Vitali, F. (2001). I popoli di Seattle. Vita e morte dei gruppi antiglobalizzazione ai tempi di internet, Limes, 3, 19-36.

Wallach, L. & Sforza, M. (1999). wto. Tutto quello che non hanno mai detto sul commercio globale. Milano: Feltrinelli.

Zelizer, J.E. (2018). The presidency of Barack Obama. A First Historical Assessment. Princeton: Princeton University.

Descargas

La descarga de datos todavía no está disponible.